Le ricerche sul ceto nobiliare siciliano e sulle sue disponibilità patrimoniali rappresentano importanti strumenti di cui valersi nell’analisi della complessa e vasta problematica afferente la tenuta politica, economica e sociale del baronaggio isolano. Descritta più volte in declino, la classe baronale seppe conservare, almeno fino a tutto il XVIII secolo, un dinamismo che può essere efficacemente spiegato analizzando le metodologie con cui i feudatari scelsero di gestire i propri feudi.È in questo contesto che si inserisce il presente lavoro, il cui scopo precipuo è quello di accertare l’entità, le destinazioni colturali, la redditività e i metodi di gestione del patrimonio di Vincenzo Paternò Castello, quarto principe di Biscari, nel corso del primo trentennio del Settecento.

I Paternò Castello di Biscari. Una famiglia, un patrimonio nella Sicilia moderna (1700-1734)

DI VITA, FABIO PAOLO
2007

Abstract

Le ricerche sul ceto nobiliare siciliano e sulle sue disponibilità patrimoniali rappresentano importanti strumenti di cui valersi nell’analisi della complessa e vasta problematica afferente la tenuta politica, economica e sociale del baronaggio isolano. Descritta più volte in declino, la classe baronale seppe conservare, almeno fino a tutto il XVIII secolo, un dinamismo che può essere efficacemente spiegato analizzando le metodologie con cui i feudatari scelsero di gestire i propri feudi.È in questo contesto che si inserisce il presente lavoro, il cui scopo precipuo è quello di accertare l’entità, le destinazioni colturali, la redditività e i metodi di gestione del patrimonio di Vincenzo Paternò Castello, quarto principe di Biscari, nel corso del primo trentennio del Settecento.
978-88-3487722-7
Sicilia; Nobiltà; Patrimoni; Settecento; Biscari
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.11769/101282
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact