Più che nella riscrittura postmoderna o nel pastiche confessato, le "Notti" trovano la loro più suggestiva e insospettabile ricezione novecentesca nelle opere di Carmen Martín Gaite, costantemente preoccupata, come scrittrice e saggista, dalla pratica narrativa e, proprio per questo, sempre attenta ai modelli di scrittura o, per dirla con Foucault, ai «fondatori di discorsività» che le diverse tradizioni offrono. Martín Gaite guarda alle "Notti", e ancor più a Shahrazàd, per quella possibilità là data di istituire il racconto su una precipua pratica discorsiva orale che coinvolge in uguale misura emittente/ricettore. Centrali nella teoria narrativa gaitiana, emittente e ricettore, salvo rarissime eccezioni, sono concepiti dalla scrittrice come parlanti/ascoltatori, ovvero soggetti in presentia di una narrazione orale magmatica, legata ad un “qui”, ad un “ora” potenzialmente dilatabile all’infinito.

Carmen Martín Gaite: mille e uno frammenti dell'"infinito raccontare"

FABIANI, ANITA
2009-01-01

Abstract

Più che nella riscrittura postmoderna o nel pastiche confessato, le "Notti" trovano la loro più suggestiva e insospettabile ricezione novecentesca nelle opere di Carmen Martín Gaite, costantemente preoccupata, come scrittrice e saggista, dalla pratica narrativa e, proprio per questo, sempre attenta ai modelli di scrittura o, per dirla con Foucault, ai «fondatori di discorsività» che le diverse tradizioni offrono. Martín Gaite guarda alle "Notti", e ancor più a Shahrazàd, per quella possibilità là data di istituire il racconto su una precipua pratica discorsiva orale che coinvolge in uguale misura emittente/ricettore. Centrali nella teoria narrativa gaitiana, emittente e ricettore, salvo rarissime eccezioni, sono concepiti dalla scrittrice come parlanti/ascoltatori, ovvero soggetti in presentia di una narrazione orale magmatica, legata ad un “qui”, ad un “ora” potenzialmente dilatabile all’infinito.
978-88-498-2752-1
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.11769/101456
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact