Pizzuto e lo spazio della scrittura