"Quando vedo i tuoi cieli, opera delle tue dita". Sull'Etna tra etica e ambiente