Nella diffusione spaziale della multimedialità (internet, telefonia mobile e fissa), marcata risulta la frattura esistente fra comunità capaci di utilizzare il potere tecnologico e quelle che ne sono escluse secondo una logica che vede contrapposti divario digitale e conoscenza. Il mondo in via di sviluppo e le economie in transizione ne rappresentano la quota più ampia. Mentre, da un lato, la "teledensità" globale mostra segni di miglioramento, d'altro canto continua a crescere la distanza fra coloro che dispongono di un accesso alle ICT (Information and Communication Technologies) e quanti, invece, ne risultano esclusi.

Media e territorio. Reti di comunicazioni e divario digitale

LONGO, ANTONINO;CANNIZZARO, SALVATORE
2008

Abstract

Nella diffusione spaziale della multimedialità (internet, telefonia mobile e fissa), marcata risulta la frattura esistente fra comunità capaci di utilizzare il potere tecnologico e quelle che ne sono escluse secondo una logica che vede contrapposti divario digitale e conoscenza. Il mondo in via di sviluppo e le economie in transizione ne rappresentano la quota più ampia. Mentre, da un lato, la "teledensità" globale mostra segni di miglioramento, d'altro canto continua a crescere la distanza fra coloro che dispongono di un accesso alle ICT (Information and Communication Technologies) e quanti, invece, ne risultano esclusi.
978-88-6056-163-3
Media; Territorio; Divario digitale
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Media e territorio

non disponibili

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Dimensione 1.5 MB
Formato Adobe PDF
1.5 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.11769/103187
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact