La comunione legale "disciolta"