Il territorio rappresenta un bene economico-culturale da tutelare, preservandone la pluralità delle risorse materiali ed immateriali che comprendono non solo i sedimenti fisici ma anche le memorie, i riti e le tradizioni. L'A. nel presente contributo, indaga nuovi strumenti rappresentativi (rendering, fotogrammetria aerea, GIS3D, webGIS, immagini satellitari) che si muovono nell'ambito della conoscenza e comunicazione dell'immagine territoriale, per individuare un tipo di lettura globale, capace di ascoltare la metamorfosi naturale ed artificiale dell'ambiente naturale e vissuto, che il solo disegno non riesce a trasporre in maniera esaustiva. L’obiettivo è di individuare una rappresentazione che si erga quale strumento di lettura e monitorizzazione degli eventi spontanei e non, affinché si possa imparare dagli stessi processi naturali il modo più idoneo di agire e si possano proporre possibili chiavi di lettura che aprano le porte della coscienza di tutti coloro che intervengono spesso con violenza ed insipienza lungo le emergenze naturali (coste, crinali e pianure) portando alla perdita di qualità e quindi di godibilità del territorio

Il racconto del territorio attraverso i linguaggi della nuova era urbana, in F.Restuccia, M.Galizia, C.Santagati, Nuovi territori del segno e del disegno nell’era dell’informatizzazione,

GALIZIA, MARIATERESA
2007-01-01

Abstract

Il territorio rappresenta un bene economico-culturale da tutelare, preservandone la pluralità delle risorse materiali ed immateriali che comprendono non solo i sedimenti fisici ma anche le memorie, i riti e le tradizioni. L'A. nel presente contributo, indaga nuovi strumenti rappresentativi (rendering, fotogrammetria aerea, GIS3D, webGIS, immagini satellitari) che si muovono nell'ambito della conoscenza e comunicazione dell'immagine territoriale, per individuare un tipo di lettura globale, capace di ascoltare la metamorfosi naturale ed artificiale dell'ambiente naturale e vissuto, che il solo disegno non riesce a trasporre in maniera esaustiva. L’obiettivo è di individuare una rappresentazione che si erga quale strumento di lettura e monitorizzazione degli eventi spontanei e non, affinché si possa imparare dagli stessi processi naturali il modo più idoneo di agire e si possano proporre possibili chiavi di lettura che aprano le porte della coscienza di tutti coloro che intervengono spesso con violenza ed insipienza lungo le emergenze naturali (coste, crinali e pianure) portando alla perdita di qualità e quindi di godibilità del territorio
97888-8132-458-3
territorio ; rappresentazione digitale; economia
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.11769/104156
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact