La vita e gli “affetti” di G.B. Vico. Gli «acerbi martìri» e le «delizie oneste» nel racconto di sé di un savant