Diabete tipo 2: fenotipizzazione nella pratica clinica