Oltre a presentare la prima traduzione italiana di Johann Wolfgang Goethe, Proserpina. Ein Monodrama, l'autrice ricostruisce la genesi di questo capolavoro teatrale goethiano, il rapporto fra il testo e la musica di Carl Eberwein, nonché gli aspetti performativi del lavoro di Goethe in merito a questo suo esperimento di opera d’arte totale. Vengono inoltre indagate le componenti visuali che danno vita alla reviviscenza mitologica voluta da Goethe per la sua innovazione in campo teatrale, finalizzata a realizzare un “illusione consapevole”. L’opera è espressione di quella significativa trasformazione dello spazio scenico, operata mediante l’interazione di elementi pittorici e plastici, tramite la fusione di parola, musica, gesto e danza in un’opera d’arte totale, da luogo di facile mimesi del reale, a tempio di un accadimento di pura illusione, che, recuperando la funzione sacrale del teatro dell’antichità, diviene moderno rito secolare, forma privilegiata dell’educazione estetica posta da Goethe e Schiller a fondamento etico del loro classicismo.

Un melologo dall’Ade

PULVIRENTI, Grazia
1999

Abstract

Oltre a presentare la prima traduzione italiana di Johann Wolfgang Goethe, Proserpina. Ein Monodrama, l'autrice ricostruisce la genesi di questo capolavoro teatrale goethiano, il rapporto fra il testo e la musica di Carl Eberwein, nonché gli aspetti performativi del lavoro di Goethe in merito a questo suo esperimento di opera d’arte totale. Vengono inoltre indagate le componenti visuali che danno vita alla reviviscenza mitologica voluta da Goethe per la sua innovazione in campo teatrale, finalizzata a realizzare un “illusione consapevole”. L’opera è espressione di quella significativa trasformazione dello spazio scenico, operata mediante l’interazione di elementi pittorici e plastici, tramite la fusione di parola, musica, gesto e danza in un’opera d’arte totale, da luogo di facile mimesi del reale, a tempio di un accadimento di pura illusione, che, recuperando la funzione sacrale del teatro dell’antichità, diviene moderno rito secolare, forma privilegiata dell’educazione estetica posta da Goethe e Schiller a fondamento etico del loro classicismo.
monodramma, testo/musica, mitologia classica, cultura visuale, Gesamtkunstwerk, Teatro 700
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.11769/106776
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact