È possibile liberare la mente, il linguaggio e la poesia dal dominio incontrastato della visione? È questo il programma di Rosmarie Waldrop: ma a quale scopo, attraverso quali forme e con quali esiti? Nata in Germania alla vigilia della II Guerra Mondiale e trasferitasi negli Stati Uniti nel 1958, l’autrice impiega la lingua inglese come strumento privilegiato di scoperta e conoscenza, inseguendo l’ideale di una scrittura esplorativa che, per esser tale, deve sondare percorsi anti-figurativi e anti-rappresentativi. Allineata alle poetiche d’avanguardia, europee e americane, la sua sperimentazione mostra un orientamento anti-visualista che trova eco nel pensiero filosofico contemporaneo (Wittgenstein, Heidegger, Deleuze, Merleau-Ponty, Foucault, Derrida), da un lato, e nello sviluppo della nuova scienza (la fisica quantistica), dall’altro. Ripudiando non già l’esperienza visiva ma la costruzione discorsiva della visione all’interno di un paradigma culturale essenzialmente oculocentrico; non l’immagine in sé ma le figure poste dalla rappresentazione e dalla visualizzazione, i suoi eccentrici collages mirano a suscitare nuovi modi di vedere, concepire e interagire dentro e fuori dalla pagina. Questo volume ne indaga le procedure e gli effetti in un campione eccezionale di testi ispirati all’incontro originario con il Nuovo Mondo: l’incontro europeo con la differenza assoluta che, sottraendosi a ogni forma di riconoscimento e quadro di riferimento, si oppone alla logica della rappresentazione/visualizzazione e libera forze realmente in grado di sollecitare il pensiero e muovere alla scoperta.

"Extremes of otherness": Rosmarie Waldrop e l'incontro con il Nuovo Mondo

PUGLISI, FLORIANA
2015

Abstract

È possibile liberare la mente, il linguaggio e la poesia dal dominio incontrastato della visione? È questo il programma di Rosmarie Waldrop: ma a quale scopo, attraverso quali forme e con quali esiti? Nata in Germania alla vigilia della II Guerra Mondiale e trasferitasi negli Stati Uniti nel 1958, l’autrice impiega la lingua inglese come strumento privilegiato di scoperta e conoscenza, inseguendo l’ideale di una scrittura esplorativa che, per esser tale, deve sondare percorsi anti-figurativi e anti-rappresentativi. Allineata alle poetiche d’avanguardia, europee e americane, la sua sperimentazione mostra un orientamento anti-visualista che trova eco nel pensiero filosofico contemporaneo (Wittgenstein, Heidegger, Deleuze, Merleau-Ponty, Foucault, Derrida), da un lato, e nello sviluppo della nuova scienza (la fisica quantistica), dall’altro. Ripudiando non già l’esperienza visiva ma la costruzione discorsiva della visione all’interno di un paradigma culturale essenzialmente oculocentrico; non l’immagine in sé ma le figure poste dalla rappresentazione e dalla visualizzazione, i suoi eccentrici collages mirano a suscitare nuovi modi di vedere, concepire e interagire dentro e fuori dalla pagina. Questo volume ne indaga le procedure e gli effetti in un campione eccezionale di testi ispirati all’incontro originario con il Nuovo Mondo: l’incontro europeo con la differenza assoluta che, sottraendosi a ogni forma di riconoscimento e quadro di riferimento, si oppone alla logica della rappresentazione/visualizzazione e libera forze realmente in grado di sollecitare il pensiero e muovere alla scoperta.
978-88-392-1002-9
linguaggio e visione – anti-visualismo – prose poem – collage – rappresentazione e differenza – memoria e riconfigurazione dell’America coloniale
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.11769/107610
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact