Scrittura senza fine. Le metafore malinconiche di Vincenzo Consolo