Una nutrizione corretta costituisce, insieme a una adeguata attività fisica e al controllo di altri fattori di rischio quali il fumo e l’alcol, un elemento fondamentale nella prevenzione di numerose condizioni patologiche. È infatti ormai stato dimostrato che lo stile di vita e le scelte alimentari agiscono in modo incisivo nella possibilità di evitare lo sviluppo di malattie, prevenendone l’insorgenza o controllandone l’evoluzione. Numerosi studi internazionali hanno sottolineato come la Dieta Mediterranea rappresenti un importante modello di prevenzione. Studi osservazionali condotti nelle regioni del bacino del Mediterraneo hanno infatti rilevato una maggiore longevità della popolazione determinata da una minore incidenza di malattie cardiovascolari e l’insorgenza di certi tumori, attribuendone il merito alle abitudini alimentari. Seguenti studi retrospettivi, prospettici e sperimentali hanno dimostrato che una dieta ricca in frutta, verdura e cibi contenenti amidi non raffinati, come la Dieta Mediterranea, ha un effetto preventivo sull’incidenza del cancro, neoplasie gastriche e delle prime vie respiratorie. Il consumo di pesce e alimenti ricchi di grassi polinsaturi si sono dimostrati efficaci nel diminuire il rischio cardiovascolare. La predominanza dell’olio d’oliva, legumi e il vino rosso si associano ad una minore prevalenza di sindrome metabolica legata alla migliore sensibilità insulinica, ai bassi livelli di colesterolo totali e diminuzione della pressione arteriosa. Importanti risultati sono stati ottenuti anche nella prevenzione delle malattie autoimmuni. È stato infatti documentato che soggetti affetti da artrite reumatoide maggiormente aderenti alla Dieta Mediterranea hanno mostrato riduzione dell’attività di malattia e migliore qualità della vita. Inoltre pazienti affetti da malattie neuro-degenerative quali Alzheimer e Morbo di Parkinson in cui il modello alimentare adottato, ricco di cibi vegetali caratterizzati da metaboliti antiossidanti, si è osservato il rallentamento del decadimento cognitivo e la comparsa di tremori. In conclusione, la Dieta Mediterranea può essere considerata un’arma efficace per la prevenzione delle malattie cronico-degenerative.

La Dieta Mediterranea: il ruolo dell’alimentazione nella prevenzione delle malattie cronico- degenerative

MISTRETTA, Antonio
2011

Abstract

Una nutrizione corretta costituisce, insieme a una adeguata attività fisica e al controllo di altri fattori di rischio quali il fumo e l’alcol, un elemento fondamentale nella prevenzione di numerose condizioni patologiche. È infatti ormai stato dimostrato che lo stile di vita e le scelte alimentari agiscono in modo incisivo nella possibilità di evitare lo sviluppo di malattie, prevenendone l’insorgenza o controllandone l’evoluzione. Numerosi studi internazionali hanno sottolineato come la Dieta Mediterranea rappresenti un importante modello di prevenzione. Studi osservazionali condotti nelle regioni del bacino del Mediterraneo hanno infatti rilevato una maggiore longevità della popolazione determinata da una minore incidenza di malattie cardiovascolari e l’insorgenza di certi tumori, attribuendone il merito alle abitudini alimentari. Seguenti studi retrospettivi, prospettici e sperimentali hanno dimostrato che una dieta ricca in frutta, verdura e cibi contenenti amidi non raffinati, come la Dieta Mediterranea, ha un effetto preventivo sull’incidenza del cancro, neoplasie gastriche e delle prime vie respiratorie. Il consumo di pesce e alimenti ricchi di grassi polinsaturi si sono dimostrati efficaci nel diminuire il rischio cardiovascolare. La predominanza dell’olio d’oliva, legumi e il vino rosso si associano ad una minore prevalenza di sindrome metabolica legata alla migliore sensibilità insulinica, ai bassi livelli di colesterolo totali e diminuzione della pressione arteriosa. Importanti risultati sono stati ottenuti anche nella prevenzione delle malattie autoimmuni. È stato infatti documentato che soggetti affetti da artrite reumatoide maggiormente aderenti alla Dieta Mediterranea hanno mostrato riduzione dell’attività di malattia e migliore qualità della vita. Inoltre pazienti affetti da malattie neuro-degenerative quali Alzheimer e Morbo di Parkinson in cui il modello alimentare adottato, ricco di cibi vegetali caratterizzati da metaboliti antiossidanti, si è osservato il rallentamento del decadimento cognitivo e la comparsa di tremori. In conclusione, la Dieta Mediterranea può essere considerata un’arma efficace per la prevenzione delle malattie cronico-degenerative.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.11769/111025
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact