Introduzione La natura del legame tra Possible Selves (Markus, Nurius, 1986), sfide poste dall’età e risultati raggiunti è importante per capire l’intenzionalità dei cambiamenti dell’identità e la capacità di adattamento degli individui (Frazier, Newman, Jaccard, 2007). Alcune ricerche hanno dimostrato come i Sé Possibili degli adulti riflettano le preoccupazioni relative ai compiti di vita in diversi domini (famiglia, salute, lavoro, etc) e forniscano l’input per la motivazione, l’interpretazione e la valutazione del concetto di Sé nel presente. Questi studi mostrano che i contenuti e l’organizzazione delle rappresentazioni identitarie hanno un’importante funzione di adattamento e costituiscono una risorsa indispensabile per affrontare i processi di invecchiamento (Diehl, Hasting, Stanton, 2001). Il presente contributo di ricerca esplora le dimensioni dell’identità, in particolare dei Possible Selves, negli uomini tra i 40 ed i 58anni. Metodo La ricerca è stata condotta con 66 uomini, tra i 40 e i 58 anni, equamente distribuiti tra insegnanti, liberi professionisti ed operai. La rilevazione dei dati è stata effettuata, in setting face to face, mediante strumenti di tipo quantitativo (scale di giudizio, differenziali semantici e termometri dei sentimenti). Risultati Si riscontrano previsioni pessimistiche circa la fisiologia del corpo, limitatamente ottimistiche, invece, per ciò che concerne il futuro relazionale (coppia, amici, lavoro), la soddisfazione della propria vita e la rappresentazione del Self attuale e futuro. Risultati interessanti sono emersi dall’Analisi della Regressione Lineare tra la rappresentazione del proprio Self e le scale di giudizio (fisiologia del corpo, coppia, amici, lavoro). Conclusioni I cambiamenti legati alla fisicità, negli uomini, sembrano non incidere sulla rappresentazione futura della propria vita.

Identità e Possible Selves negli uomini in età andropausale

LICCIARDELLO, Orazio
2009

Abstract

Introduzione La natura del legame tra Possible Selves (Markus, Nurius, 1986), sfide poste dall’età e risultati raggiunti è importante per capire l’intenzionalità dei cambiamenti dell’identità e la capacità di adattamento degli individui (Frazier, Newman, Jaccard, 2007). Alcune ricerche hanno dimostrato come i Sé Possibili degli adulti riflettano le preoccupazioni relative ai compiti di vita in diversi domini (famiglia, salute, lavoro, etc) e forniscano l’input per la motivazione, l’interpretazione e la valutazione del concetto di Sé nel presente. Questi studi mostrano che i contenuti e l’organizzazione delle rappresentazioni identitarie hanno un’importante funzione di adattamento e costituiscono una risorsa indispensabile per affrontare i processi di invecchiamento (Diehl, Hasting, Stanton, 2001). Il presente contributo di ricerca esplora le dimensioni dell’identità, in particolare dei Possible Selves, negli uomini tra i 40 ed i 58anni. Metodo La ricerca è stata condotta con 66 uomini, tra i 40 e i 58 anni, equamente distribuiti tra insegnanti, liberi professionisti ed operai. La rilevazione dei dati è stata effettuata, in setting face to face, mediante strumenti di tipo quantitativo (scale di giudizio, differenziali semantici e termometri dei sentimenti). Risultati Si riscontrano previsioni pessimistiche circa la fisiologia del corpo, limitatamente ottimistiche, invece, per ciò che concerne il futuro relazionale (coppia, amici, lavoro), la soddisfazione della propria vita e la rappresentazione del Self attuale e futuro. Risultati interessanti sono emersi dall’Analisi della Regressione Lineare tra la rappresentazione del proprio Self e le scale di giudizio (fisiologia del corpo, coppia, amici, lavoro). Conclusioni I cambiamenti legati alla fisicità, negli uomini, sembrano non incidere sulla rappresentazione futura della propria vita.
Possible Selves; Uomini; Andropausa
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.11769/111037
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact