Gesualdo Bufalino e la scrittura felice