La lezione di Franco Fornari per una psicologia laica rappresenta una ripresa della visione ed un’innovazione della utopia freudiana sullo statuto scientifico della psicoanalisi. L'apertura della psicoanalisi alla cultura ed alla società contemporanea determina le sue possibilità di evolversi e sopravvivere senza ridursi ad una mera pratica specialistica di cura delle nevrosi e di altre forme psicopatologiche. In questa prospettiva gli esiti multidisciplinari non sono semplici "applicazioni", ma l'alternativa ad un modello rigidamente medicalista, la rielaborazione del tema, caro a Freud, che la psicoanalisi sia disciplina di base per le scienze della natura e dello "spirito", indipendente dalle ideologie dominanti, comprese quelle che possono crearsi al suo interno. In un'epoca di identità "liquide" e di patologie in cui prevale il disconoscimento emotivo, la centralità del linguaggio proposta da Fornari, la possibilità di una comunicazione sulla base di strutture coinemiche, di una trasformazione nel codice simbolico, pubblico e consensuale, rappresentano un modello da riconquistare dentro e fuori la stanza d'analisi. I lavori raccolti nel testo sintetizzano i risultati del convegno Per una psicoanalisi laica. La lezione di franco Fornari tenuto a Catania nel novembre 2005. A partire dallo stimolo proposto dalla relazione Per una psicologia laica tenuta da Franco Fornari al XVIII Congresso degli Psicologi Italiani del 1979, gli autori presentano contributi sulla laicità dei modelli teorici di Fornari e Corrao, sull'apporto fornariano alla psicologia della politica, alla psicologia e alla psicoanalisi sociale, istituzionale e di gruppo, sulla formazione psicoterapeutica individuale e di gruppo e sul rapporto della psicoanalisi con le realtà istituzionali, con particolare riferimento alle Università ed all'insegnamento universitario.

La psicoanalisi laica. La lezione di Franco Fornari, Franco Angeli, Milano

CASTORINA, Salvatore
2007

Abstract

La lezione di Franco Fornari per una psicologia laica rappresenta una ripresa della visione ed un’innovazione della utopia freudiana sullo statuto scientifico della psicoanalisi. L'apertura della psicoanalisi alla cultura ed alla società contemporanea determina le sue possibilità di evolversi e sopravvivere senza ridursi ad una mera pratica specialistica di cura delle nevrosi e di altre forme psicopatologiche. In questa prospettiva gli esiti multidisciplinari non sono semplici "applicazioni", ma l'alternativa ad un modello rigidamente medicalista, la rielaborazione del tema, caro a Freud, che la psicoanalisi sia disciplina di base per le scienze della natura e dello "spirito", indipendente dalle ideologie dominanti, comprese quelle che possono crearsi al suo interno. In un'epoca di identità "liquide" e di patologie in cui prevale il disconoscimento emotivo, la centralità del linguaggio proposta da Fornari, la possibilità di una comunicazione sulla base di strutture coinemiche, di una trasformazione nel codice simbolico, pubblico e consensuale, rappresentano un modello da riconquistare dentro e fuori la stanza d'analisi. I lavori raccolti nel testo sintetizzano i risultati del convegno Per una psicoanalisi laica. La lezione di franco Fornari tenuto a Catania nel novembre 2005. A partire dallo stimolo proposto dalla relazione Per una psicologia laica tenuta da Franco Fornari al XVIII Congresso degli Psicologi Italiani del 1979, gli autori presentano contributi sulla laicità dei modelli teorici di Fornari e Corrao, sull'apporto fornariano alla psicologia della politica, alla psicologia e alla psicoanalisi sociale, istituzionale e di gruppo, sulla formazione psicoterapeutica individuale e di gruppo e sul rapporto della psicoanalisi con le realtà istituzionali, con particolare riferimento alle Università ed all'insegnamento universitario.
9788846487131
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.11769/114552
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact