Perché alla Consulta un tecnico è meglio di un politico