“Le parole dell’odio, la magia della parola. Allo Stabile di Catania Il Mercante di Venezia nella traduzione di Masolino D’Amico”