"Un altro mondo in cambio". Gomorra fra teatro, cinema e televisione