Goodbye Topolinia. Sull'architettura e il fumetto