La "bollinatura" della Ragioneria generale dello Stato