Nel presente volume sono stati raccolti quattro studi inediti, fra loro strettamente connessi da un fondamentale motivo unificante, l’analisi dello spazio extraurbano in un settore specifico della penisola anatolica, le regioni ‘storiche’ di Ponto e Cappadocia, e in un arco temporale compreso fra il III ed il VI secolo d.C. La raccolta sistematica e l’analisi delle fonti letterarie, epigrafiche, archeologiche e numismatiche su queste aree dell’Asia Minore tardoantica, hanno permesso di evidenziarne non solo strutture produttive e dinamiche insediative, ma anche problemi amministrativi e aspetti socio-culturali.L’indagine si è così concentrata sulle divinità pagane e sulle figure carismatiche ritenute capaci di allontanare insetti voraci dai terreni agricoli, sui luoghi cristiani di accoglienza, sostegno e cura dislocati fuori dalle città e destinati a tutti i bisognosi, sul complesso rapporto fra “vescovi di campagna” e “funzionari dei distretti rurali”, sulla significativa convergenza di infermità e ospitalità, povertà e medicina monastica intorno alle miracolose reliquie di un santo.

La piaga e la cura. Poveri e ammalati, medici e monaci nell’Anatolia rurale tardoantica

CASSIA, Margherita Guglielmina
2009

Abstract

Nel presente volume sono stati raccolti quattro studi inediti, fra loro strettamente connessi da un fondamentale motivo unificante, l’analisi dello spazio extraurbano in un settore specifico della penisola anatolica, le regioni ‘storiche’ di Ponto e Cappadocia, e in un arco temporale compreso fra il III ed il VI secolo d.C. La raccolta sistematica e l’analisi delle fonti letterarie, epigrafiche, archeologiche e numismatiche su queste aree dell’Asia Minore tardoantica, hanno permesso di evidenziarne non solo strutture produttive e dinamiche insediative, ma anche problemi amministrativi e aspetti socio-culturali.L’indagine si è così concentrata sulle divinità pagane e sulle figure carismatiche ritenute capaci di allontanare insetti voraci dai terreni agricoli, sui luoghi cristiani di accoglienza, sostegno e cura dislocati fuori dalle città e destinati a tutti i bisognosi, sul complesso rapporto fra “vescovi di campagna” e “funzionari dei distretti rurali”, sulla significativa convergenza di infermità e ospitalità, povertà e medicina monastica intorno alle miracolose reliquie di un santo.
887796551-7
Povertà; Malattia; Anatolia romana; Medicina; Fondazioni monastiche; Campagna
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.11769/118645
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact