Bacini fluviali come riserve d’identità