Il ricorso a testi biblici ‘scomodi’ nel De errore profanarum religionum di Firmico Materno