Sulla lingua e sull'interpretazione del "Contrasto" di Cielo d'Alcamo