Sulla disparità tra le misure di variazione di benessere