Tra la fine degli anni Ottanta del Novecento e l’avvio dei Duemila l’area ionico etnea della Sicilia orientale fu oggetto di ricerche ispirate a un approccio storiografico nuovo, volto a problematizzare la rappresentazione di un Mezzogiorno immobile e di una campagna meridionale desolata. Tali studi si soffermarono su alcuni tratti del territorio tra Ottocento e Novecento: struttura della proprietà fondiaria, processo storico di costruzione del paesaggio agrario, ruolo delle città medie nell’organizzazione dei servizi, dei saperi e dei traffici, presenza di un ceto borghese capace d’iniziativa imprenditoriale. A un ventennio di distanza questo volume passa in rassegna ed aggiorna i frutti di quella stagione storiografica, riprendendo il filo della narrazione storica a partire dalla transizione dalla fase dell’intervento straordinario a quella delle politiche nazionali e comunitarie ispirate alla programmazione negoziata. La riforma delle autonomie locali con l’ascesa di un nuovo ceto di amministratori locali fu uno snodo importante di questa vicenda. Nella fragilità e nel tramonto della stagione delle “cento città” s’individua il sostrato storico politico-istituzionale della profonda crisi identitaria e ambientale che investe il territorio.

L'area ionico etnea. Storia di un territorio dall'Ottocento a oggi

Nucifora
2018

Abstract

Tra la fine degli anni Ottanta del Novecento e l’avvio dei Duemila l’area ionico etnea della Sicilia orientale fu oggetto di ricerche ispirate a un approccio storiografico nuovo, volto a problematizzare la rappresentazione di un Mezzogiorno immobile e di una campagna meridionale desolata. Tali studi si soffermarono su alcuni tratti del territorio tra Ottocento e Novecento: struttura della proprietà fondiaria, processo storico di costruzione del paesaggio agrario, ruolo delle città medie nell’organizzazione dei servizi, dei saperi e dei traffici, presenza di un ceto borghese capace d’iniziativa imprenditoriale. A un ventennio di distanza questo volume passa in rassegna ed aggiorna i frutti di quella stagione storiografica, riprendendo il filo della narrazione storica a partire dalla transizione dalla fase dell’intervento straordinario a quella delle politiche nazionali e comunitarie ispirate alla programmazione negoziata. La riforma delle autonomie locali con l’ascesa di un nuovo ceto di amministratori locali fu uno snodo importante di questa vicenda. Nella fragilità e nel tramonto della stagione delle “cento città” s’individua il sostrato storico politico-istituzionale della profonda crisi identitaria e ambientale che investe il territorio.
978-88-6242-344-1
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Nucifora_L'area ionico etnea.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Dimensione 1.67 MB
Formato Adobe PDF
1.67 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.11769/357143
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact