Nel secondo libro delle Glossae super Platonem di Guglielmo di Conches, cui è principalmente dedicato il volume, sono ribaditi e ulteriormente sviluppati i due suoi principali filoni di interesse, già evidenti nel primo libro e nelle sue precedenti opere e costituiti da un approccio razionale ai temi teologici, e in particolare alla trinità, e da una competente e spiccata sensibilità filosofico-naturalistica, che sfocia nella descrizione analitica dell’ornatus mundi, cioè degli effetti razionali e uniformi, e per ciò stesso conoscibili universalmente e necessariamente, delle cause seconde. Entrambi tali filoni sono peraltro sorretti dalla motivazione etica e pedagogica che caratterizza l’ideale umanistico coltivato dai maestri della scuola cattedrale di Chartres e che dà all’opera del filosofo originario di Conches un’implicita ma chiara valenza politico-culturale, resa del tutto esplicita, anche sotto forma di retractatio, nel successivo Dragmaticon philosophiae, cui è dedicato il terzo e ultimo capitolo in quanto culmine maturo dello svolgimento dei suoi interessi e dell’ultraventennale riflessione interpretativa sul frammento del Timeo di Platone tradotto e commentato da Calcidio. In Appendice è riprodotto dall’ed. Jeauneau del 2006 (CCCM 203) e tradotto il Tractatus de primordiali materia, che è il più lungo e rilevante sul piano filosofico dei tre che compongono il secondo libro delle Glosae super Platonem.

Ornatus mundi. Le Glosae super Platonem di Guglielmo di Conches. Liber secundus. Lettura storico-critica

Concetto Martello
2018

Abstract

Nel secondo libro delle Glossae super Platonem di Guglielmo di Conches, cui è principalmente dedicato il volume, sono ribaditi e ulteriormente sviluppati i due suoi principali filoni di interesse, già evidenti nel primo libro e nelle sue precedenti opere e costituiti da un approccio razionale ai temi teologici, e in particolare alla trinità, e da una competente e spiccata sensibilità filosofico-naturalistica, che sfocia nella descrizione analitica dell’ornatus mundi, cioè degli effetti razionali e uniformi, e per ciò stesso conoscibili universalmente e necessariamente, delle cause seconde. Entrambi tali filoni sono peraltro sorretti dalla motivazione etica e pedagogica che caratterizza l’ideale umanistico coltivato dai maestri della scuola cattedrale di Chartres e che dà all’opera del filosofo originario di Conches un’implicita ma chiara valenza politico-culturale, resa del tutto esplicita, anche sotto forma di retractatio, nel successivo Dragmaticon philosophiae, cui è dedicato il terzo e ultimo capitolo in quanto culmine maturo dello svolgimento dei suoi interessi e dell’ultraventennale riflessione interpretativa sul frammento del Timeo di Platone tradotto e commentato da Calcidio. In Appendice è riprodotto dall’ed. Jeauneau del 2006 (CCCM 203) e tradotto il Tractatus de primordiali materia, che è il più lungo e rilevante sul piano filosofico dei tre che compongono il secondo libro delle Glosae super Platonem.
978-88-6485-122-8
platonism, nature, human being, matter, body
platonismo, natura, uomo, materia, corpo
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Ornatus Mundi.pdf

non disponibili

Descrizione: PDF
Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Dimensione 2.31 MB
Formato Adobe PDF
2.31 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.11769/358503
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact