Verga e “gli altri”. La biblioteca, i presupposti, la ricezione