La caduta del fascismo e la conclusione dell’armistizio costituirono due momenti essenziali del processo di transizione che ha condotto alla nascita della Repubblica. Il già complicato quadro istituzionale italiano fu ulteriormente aggravato dall’occupazione militare tedesca e dalla costituzione della Repubblica di Salò che per circa venti mesi esercitò un effettivo potere di governo sui territori dell’Italia centro-settentrionale. Quando le sorti della guerra furono chiare il legislatore luogotenenziale approntò un provvedimento normativo che costituì una sorta di filtro giuridico attraverso il quale vagliare l’attività legislativa, amministrativa e giudiziaria posta in essere dall’ordinamento salodiano. Si è scelto di studiare questo tassello della transizione dal fascismo al nuovo ordinamento democratico utilizzando come canale privilegiato di indagine le sentenze emesse dai giudici di merito e di legittimità in applicazione del d.lgs.lgt. 249/1944. Dalle pronunce giurisprudenziali e dalle riflessioni dottrinali emerge un complesso ed equilibrato giudizio sull’“eredità giuridica” della Repubblica Sociale.

Da Salò alla Repubblica. I giudici e la transizione dallo stato d'eccezione al nuovo ordine (d.lgs.lgt. 249/1944)

Di Stefano, Alessia Maria
2013

Abstract

La caduta del fascismo e la conclusione dell’armistizio costituirono due momenti essenziali del processo di transizione che ha condotto alla nascita della Repubblica. Il già complicato quadro istituzionale italiano fu ulteriormente aggravato dall’occupazione militare tedesca e dalla costituzione della Repubblica di Salò che per circa venti mesi esercitò un effettivo potere di governo sui territori dell’Italia centro-settentrionale. Quando le sorti della guerra furono chiare il legislatore luogotenenziale approntò un provvedimento normativo che costituì una sorta di filtro giuridico attraverso il quale vagliare l’attività legislativa, amministrativa e giudiziaria posta in essere dall’ordinamento salodiano. Si è scelto di studiare questo tassello della transizione dal fascismo al nuovo ordinamento democratico utilizzando come canale privilegiato di indagine le sentenze emesse dai giudici di merito e di legittimità in applicazione del d.lgs.lgt. 249/1944. Dalle pronunce giurisprudenziali e dalle riflessioni dottrinali emerge un complesso ed equilibrato giudizio sull’“eredità giuridica” della Repubblica Sociale.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.11769/362862
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact