Nascondimento e rivelazione sono le due figure attorno a cui si raccolgono i significati della scrittura del Manzoni lirico. Dal giovanile ‘ritrarsi’ fino al confronto maturo con il Dio che si rivela e si nasconde, l’opera manzoniana trova nella poesia la propria ‘via regia’ all’inquieta ricerca del vero. Da questo orizzonte originario, presto condensato nell’emblema del ‘sentire e meditare’, si sviluppa una parola che vuole essere profezia e testimonianza, preghiera e meditazione della sublime ironie della croce, scenario tragico e spazio di affidamento a una grazia dai contorni ‘materni’. Manzoni attraversa la frattura del Romanticismo senza tentazioni nostalgiche, ma volgendo lo sguardo a Gerusalemme, masticando e rimasticando la parola delle Scritture fino ad interiorizzarla e restituirla alla compagnia degli uomini. Il poeta si riappropria così del tempo attraverso la riscoperta della tensione apocalittica giudaico-cristiana e in tale prospettiva escatologica declina il proprio impegno di poeta ‘civile’, dando forma altresì ad un diverso linguaggio dell’esperienza lirica.

Nascondimento e rivelazione. Parole di Manzoni poeta

Giuseppe Palazzolo
2018

Abstract

Nascondimento e rivelazione sono le due figure attorno a cui si raccolgono i significati della scrittura del Manzoni lirico. Dal giovanile ‘ritrarsi’ fino al confronto maturo con il Dio che si rivela e si nasconde, l’opera manzoniana trova nella poesia la propria ‘via regia’ all’inquieta ricerca del vero. Da questo orizzonte originario, presto condensato nell’emblema del ‘sentire e meditare’, si sviluppa una parola che vuole essere profezia e testimonianza, preghiera e meditazione della sublime ironie della croce, scenario tragico e spazio di affidamento a una grazia dai contorni ‘materni’. Manzoni attraversa la frattura del Romanticismo senza tentazioni nostalgiche, ma volgendo lo sguardo a Gerusalemme, masticando e rimasticando la parola delle Scritture fino ad interiorizzarla e restituirla alla compagnia degli uomini. Il poeta si riappropria così del tempo attraverso la riscoperta della tensione apocalittica giudaico-cristiana e in tale prospettiva escatologica declina il proprio impegno di poeta ‘civile’, dando forma altresì ad un diverso linguaggio dell’esperienza lirica.
978-884675234-5
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.11769/366417
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact