Il volume contiene i risultati del terzo conclusivo segmento di indagine dedicato all'emersione del legislatore romano-germanico, ai formidabili cambiamenti che ne seguirono nell'ordinamento giuridico-romano (negli aspetti sostanziali ma soprattutto nel sistema delle fonti di produzione normativa con l'inedito e osmotico rapporto lex-consuetudo) e all'inatteso ritorno in scena dei prudentes, eredi e custodi dell'antica scienza ermeneutica.

L'irruzione del legislatore romano-germanico. Legge, consuetudine e giuristi nella crisi dell'Occidente imperiale (V-VI sec. d.C.). Pubblicazioni del Dipartimento di Scienze Giuridiche, Università degli Studi di Roma "La Sapienza"

LICANDRO O.
2015

Abstract

Il volume contiene i risultati del terzo conclusivo segmento di indagine dedicato all'emersione del legislatore romano-germanico, ai formidabili cambiamenti che ne seguirono nell'ordinamento giuridico-romano (negli aspetti sostanziali ma soprattutto nel sistema delle fonti di produzione normativa con l'inedito e osmotico rapporto lex-consuetudo) e all'inatteso ritorno in scena dei prudentes, eredi e custodi dell'antica scienza ermeneutica.
978-88-243-2350-5
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.11769/366991
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact