"La luce e il lutto" e l'elzevirismo di Bufalino