Archiatri “immuni” nell’Anatolia romano-imperiale: professione medica ed esonero dai pubblici servizi