Il patrimonio edilizio realizzato dal secondo dopoguerra fino alla metà degli anni ttanta si trova in uno stato di obsolescenza tecnica e tecnologica che non consente di soddisfare i requisiti energetici richiesti dall’odierna normativa. La risoluzione di tale tematica è ad oggi di primaria importanza: in Italia, infatti, il fabbisogno energetico del settore civile rappresenta il 38% di quello globale (fonte: Eurostat); a ciò si aggiunge la problematica derivante dall’eccessivo utilizzo di risorse e materiali non sostenibili, che mette in serio pericolo le generazioni future riguardo le disponibilità di energia e di materie prime. In questo panorama è necessario intervenire con azioni capaci da un lato di aumentare l’efficienza energetica del costruito, dall’altro di ridurre l’impatto ambientale. Non sempre, infatti, l’utilizzo di materiali altamente performanti dal punto di vista energetico implica il soddisfacimento di requisiti di sostenibilità. Scopo di tale lavoro è quello di valutare, a seguito di un’attenta analisi dello stato dell’arte del tema in oggetto, le prestazioni energetiche di materiali naturali e sostenibili, ipotizzandone un’applicazione in edilizia. In particolare, vengono analizzate le proprietà termiche e meccaniche di materiali isolanti prodotti con scarti agricoli; questi parametri sono stati inoltre comparati con le caratteristiche costruttive di pannelli commerciali, con l’obiettivo di ottenere una metodologia per la realizzazione di materiali per l’edilizia sostenibili.

Materiali naturali per l’isolamento termico degli edifici

S. M. Cascone
;
N. Tomasello;M. Vitale
2020

Abstract

Il patrimonio edilizio realizzato dal secondo dopoguerra fino alla metà degli anni ttanta si trova in uno stato di obsolescenza tecnica e tecnologica che non consente di soddisfare i requisiti energetici richiesti dall’odierna normativa. La risoluzione di tale tematica è ad oggi di primaria importanza: in Italia, infatti, il fabbisogno energetico del settore civile rappresenta il 38% di quello globale (fonte: Eurostat); a ciò si aggiunge la problematica derivante dall’eccessivo utilizzo di risorse e materiali non sostenibili, che mette in serio pericolo le generazioni future riguardo le disponibilità di energia e di materie prime. In questo panorama è necessario intervenire con azioni capaci da un lato di aumentare l’efficienza energetica del costruito, dall’altro di ridurre l’impatto ambientale. Non sempre, infatti, l’utilizzo di materiali altamente performanti dal punto di vista energetico implica il soddisfacimento di requisiti di sostenibilità. Scopo di tale lavoro è quello di valutare, a seguito di un’attenta analisi dello stato dell’arte del tema in oggetto, le prestazioni energetiche di materiali naturali e sostenibili, ipotizzandone un’applicazione in edilizia. In particolare, vengono analizzate le proprietà termiche e meccaniche di materiali isolanti prodotti con scarti agricoli; questi parametri sono stati inoltre comparati con le caratteristiche costruttive di pannelli commerciali, con l’obiettivo di ottenere una metodologia per la realizzazione di materiali per l’edilizia sostenibili.
978-88-96386-94-1
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.11769/488894
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact