Il senso di isolamento secolare del carcere, la tentazione sempre forte di individuare nelle mura penitenziarie il luogo dove celare ciò che non deve essere visto, la tendenza a rimuovere le responsabilità dell’organizzazione sociale nelle motivazioni delle azioni devianti, rappresentano solo alcune delle immagini o delle sensazioni che hanno definito per decenni il rapporto tra la realtà istituzionale, l’intervento educativo e la comunità esterna. In tal senso, il volume offre alcuni spunti di riflessione circa modelli e pratiche di ri-educazione e ri-socializzazione in carcere, attivati dall’educatore penitenziario, che rappresenta la figura di mediazione tra il recluso e il mondo esterno, nonché l’esperto centrale di una politica penitenziaria orientata ad un effettiva rieducazione e risocializzazione dei detenuti. A tal fine, la ricerca partendo da una nuova prospettiva di pedagogia penitenziaria e di relazioni cognitivo-sociali che collegano l’educazione al fenomeno devianza, pone una particolare attenzione al ruolo e alle competenze dell’educatore penitenziario, alla luce di una reale esperienza che è maturata all’interno della Casa Circondariale Bicocca di Catania.

Ruolo e Competenze dell'educatore penitenziario tra modelli e pratiche

Gulisano D
2012-01-01

Abstract

Il senso di isolamento secolare del carcere, la tentazione sempre forte di individuare nelle mura penitenziarie il luogo dove celare ciò che non deve essere visto, la tendenza a rimuovere le responsabilità dell’organizzazione sociale nelle motivazioni delle azioni devianti, rappresentano solo alcune delle immagini o delle sensazioni che hanno definito per decenni il rapporto tra la realtà istituzionale, l’intervento educativo e la comunità esterna. In tal senso, il volume offre alcuni spunti di riflessione circa modelli e pratiche di ri-educazione e ri-socializzazione in carcere, attivati dall’educatore penitenziario, che rappresenta la figura di mediazione tra il recluso e il mondo esterno, nonché l’esperto centrale di una politica penitenziaria orientata ad un effettiva rieducazione e risocializzazione dei detenuti. A tal fine, la ricerca partendo da una nuova prospettiva di pedagogia penitenziaria e di relazioni cognitivo-sociali che collegano l’educazione al fenomeno devianza, pone una particolare attenzione al ruolo e alle competenze dell’educatore penitenziario, alla luce di una reale esperienza che è maturata all’interno della Casa Circondariale Bicocca di Catania.
9788890716034
Educatore, Formazione, Teatroterapia, Competenze
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.11769/546576
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact