Leggere e guardare le storie di riscatto e di erranza dei migranti significa, da un lato, provare a scardinare la grammatica mediatica dell’urgenza e dell’emergenza, dando voce direttamente ai protagonisti e ai testimoni delle diaspore, e, dall’altro, fornire strumenti critici e chiavi di lettura per superare la logica dell’indifferenza e della generalizzazione. Tra i media contemporanei capaci di rappresentare e interpretare i fenomeni della mobilità e della migrazione umana si staglia, nel panorama internazionale, il graphic novel. Per le sue specificità morfologiche e narrative esso allarga gli orizzonti espressivi tipici del fumetto e si appropria del mondo (e della sua complessità), per restituirlo con una originalità che gli è peculiare. Così, il nesso verbovisivo interpella costantemente le capacità ermeneutiche del lettore, il quale è chiamato a dare e produrre senso rispetto all’esperienza dell’erranza lungo le pagine delle narrazioni visive della migrazione. Il volume vuole essere dunque un tentativo di accogliere l’altro nella sua alterità, per provare a uscire da noi stessi, a spostare la prospettiva, ad abbandonare il nostro punto di vista limitato, predisponendoci a un dialogo aperto e solidale e a uno sguardo vigile sul nostro tempo, teso a restituire dignità a ogni essere umano.

Figure e parole dell'erranza. Graphic novel e migrazione nel Mediterraneo

Laura Giurdanella
2024-01-01

Abstract

Leggere e guardare le storie di riscatto e di erranza dei migranti significa, da un lato, provare a scardinare la grammatica mediatica dell’urgenza e dell’emergenza, dando voce direttamente ai protagonisti e ai testimoni delle diaspore, e, dall’altro, fornire strumenti critici e chiavi di lettura per superare la logica dell’indifferenza e della generalizzazione. Tra i media contemporanei capaci di rappresentare e interpretare i fenomeni della mobilità e della migrazione umana si staglia, nel panorama internazionale, il graphic novel. Per le sue specificità morfologiche e narrative esso allarga gli orizzonti espressivi tipici del fumetto e si appropria del mondo (e della sua complessità), per restituirlo con una originalità che gli è peculiare. Così, il nesso verbovisivo interpella costantemente le capacità ermeneutiche del lettore, il quale è chiamato a dare e produrre senso rispetto all’esperienza dell’erranza lungo le pagine delle narrazioni visive della migrazione. Il volume vuole essere dunque un tentativo di accogliere l’altro nella sua alterità, per provare a uscire da noi stessi, a spostare la prospettiva, ad abbandonare il nostro punto di vista limitato, predisponendoci a un dialogo aperto e solidale e a uno sguardo vigile sul nostro tempo, teso a restituire dignità a ogni essere umano.
2024
9788832035889
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.11769/618890
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact