Da “Ismaelillo” a “Versos libres”: evoluzione della sinestesia martiana