Nostalgia e alterità in un romanzo di Tayeb Salih