La ricerca disperata dell’estetica, pur in presenza di un’alta qualità funzionale, può comportare un’inutile sofferenza e una fastidiosa battaglia legale?