A PROPOSITO DI UN CASO ATIPICO DI DUPLICAZIONE GASTRICA