The authors report the results of greenhouse tests carried out in Sicily in order to assess the effectiveness of sublimed sulphur against the major pests of tomato (tomato russet mite, whiteflies, and tomato borer); also, possible side effects on the predator Nesidiocoris tenuis (Reuter) were investigated. This technique of sulphur distribution, obtained with electrical devices, has major advantages over traditional applications, mostly in terms of greater activity against harmful agents, lower labor costs for distribution, use of small amount of sulphur and reduction of residues on fruits. The results show an appreciable action in containing pests and the noticeable effects were detected against the tomato russet mite which was totally controlled; a satisfactory efficacy against whiteflies was recorded especially for the consequent reduction of viral infections. With respect to the tomato moth Tuta absoluta (Meyrick), the control technique based on the exclusive use of sublimated sulphur did not show significant differences compared to the thesis with the sublimed sulphur and bioinsecticides and to the one treated only with bioinsecticides according to farm standards. Field monitoring showed that the mirid N. tenuis, after being released in the greenhouse, did not modify its rate of growth due to the sublimation of sulphur.

Si riportano i risultati di prove condotte in serra in Sicilia per valutare l’efficacia dello zolfo sublimato nei confronti dei principali fitofagi del pomodoro (acaro rugginoso, aleirodi e tignola) e gli eventuali effetti collaterali sul predatore Nesidiocoris tenuis (Reuter). Tale tecnica di distribuzione dello zolfo, realizzata tramite dispositivi elettrici, presenta notevoli vantaggi rispetto alle applicazioni tradizionali, per lo più in termini di maggior attività nei confronti degli agenti dannosi, minor costo della manodopera per la distribuzione, esiguo quantitativo di zolfo utilizzato e relativa riduzione di residui sui frutti. I risultati mostrano un’apprezzabile azione nel contenimento dei fitofagi, con effetti più evidenti nei confronti dell’acaro rugginoso del pomodoro per il quale il controllo è stato totale; soddisfacente è stata l’efficacia nei confronti degli aleirodi con la conseguente riduzione delle infezioni virali. Nei riguardi della tignola del pomodoro Tuta absoluta (Meyrick), la tecnica di controllo basata sull’impiego esclusivo dei sublimatori di zolfo non ha fatto rilevare differenze significative rispetto alla tesi trattata con i sublimatori insieme ai bioinsetticidi e a quella trattata con i soli bioinsetticidi secondo gli standard aziendali. I rilievi effettuati hanno evidenziato che il miride N. tenuis, dopo essere stato rilasciato in serra, non ha alterato il suo ritmo di sviluppo a seguito della sublimazione dello zolfo.

Controllo dei fitofagi in orticoltura biologica in serra mediante zolfo sublimato

Tropea Garzia G;SISCARO, Gaetano;ZAPPALA', LUCIA;BIONDI, ANTONIO;
2011

Abstract

Si riportano i risultati di prove condotte in serra in Sicilia per valutare l’efficacia dello zolfo sublimato nei confronti dei principali fitofagi del pomodoro (acaro rugginoso, aleirodi e tignola) e gli eventuali effetti collaterali sul predatore Nesidiocoris tenuis (Reuter). Tale tecnica di distribuzione dello zolfo, realizzata tramite dispositivi elettrici, presenta notevoli vantaggi rispetto alle applicazioni tradizionali, per lo più in termini di maggior attività nei confronti degli agenti dannosi, minor costo della manodopera per la distribuzione, esiguo quantitativo di zolfo utilizzato e relativa riduzione di residui sui frutti. I risultati mostrano un’apprezzabile azione nel contenimento dei fitofagi, con effetti più evidenti nei confronti dell’acaro rugginoso del pomodoro per il quale il controllo è stato totale; soddisfacente è stata l’efficacia nei confronti degli aleirodi con la conseguente riduzione delle infezioni virali. Nei riguardi della tignola del pomodoro Tuta absoluta (Meyrick), la tecnica di controllo basata sull’impiego esclusivo dei sublimatori di zolfo non ha fatto rilevare differenze significative rispetto alla tesi trattata con i sublimatori insieme ai bioinsetticidi e a quella trattata con i soli bioinsetticidi secondo gli standard aziendali. I rilievi effettuati hanno evidenziato che il miride N. tenuis, dopo essere stato rilasciato in serra, non ha alterato il suo ritmo di sviluppo a seguito della sublimazione dello zolfo.
978-88-96414-62-0
The authors report the results of greenhouse tests carried out in Sicily in order to assess the effectiveness of sublimed sulphur against the major pests of tomato (tomato russet mite, whiteflies, and tomato borer); also, possible side effects on the predator Nesidiocoris tenuis (Reuter) were investigated. This technique of sulphur distribution, obtained with electrical devices, has major advantages over traditional applications, mostly in terms of greater activity against harmful agents, lower labor costs for distribution, use of small amount of sulphur and reduction of residues on fruits. The results show an appreciable action in containing pests and the noticeable effects were detected against the tomato russet mite which was totally controlled; a satisfactory efficacy against whiteflies was recorded especially for the consequent reduction of viral infections. With respect to the tomato moth Tuta absoluta (Meyrick), the control technique based on the exclusive use of sublimated sulphur did not show significant differences compared to the thesis with the sublimed sulphur and bioinsecticides and to the one treated only with bioinsecticides according to farm standards. Field monitoring showed that the mirid N. tenuis, after being released in the greenhouse, did not modify its rate of growth due to the sublimation of sulphur.
plant protection; sublimated sulphur; noxious arthropods
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.11769/93114
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact