"Quale in lui stesso alfine l'eternità lo muta". Per Sciascia dieci anni dopo