Le lingue dei segni primarie aprono una finestra sui processi cognitivi che sottostanno l'emergere di un sistema comunicativo consentendoci di comprendere meglio la natura del gesto quando assorbe per intero il carico comunicativo e di verificare fino a che punto si può spingere l'istinto semiotico dell'essere umano in assenza di una lingua in modo naturale

Gesti, azione e linguaggio: il caso dei sordi isolati

FONTANA, SABINA
2009-01-01

Abstract

Le lingue dei segni primarie aprono una finestra sui processi cognitivi che sottostanno l'emergere di un sistema comunicativo consentendoci di comprendere meglio la natura del gesto quando assorbe per intero il carico comunicativo e di verificare fino a che punto si può spingere l'istinto semiotico dell'essere umano in assenza di una lingua in modo naturale
978-88-548-2646-5
lingue dei segni; gesti; metonimie; cognizione
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.11769/251832
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact