Mondo e realtà. Kant, Lorenz e la distanza tra fenomeno e noumeno