Conclusioni. La naturalizzazione dell’epistemologia: una medicina che ammazza l’infermo?