Il cervello come macchina ermeneutica