Magris, Ripellino e l'immagine di Mitteleuropa