Michele Amari (1806-1889) e gli studi sui moti antiangioini del 1282