Epica, romanzo, lais e fabliaux: dal cronotopo al genere?